Architetto on-line

Mobili Settimi Blog

Consigli, tendenze, design, arredamento.

Lampade di design innovative tra arte e materiali riciclati 22 agosto 2013 - 17:20
Tagsdesign, tendenze, illuminazione Lampade di design innovative tra arte e materiali riciclatiOggi parliamo di design della luce, il connubio tra l’arte dell’illuminare e l’arte del disegnare realizzando accessori per l'arredamento adattabili a molteplici contesti ma soprattutto innovativi e cool.

Esistono numerosi designer che si occupano dello sviluppo di complementi d’arredo e accessori di design che con gli anni diventano vere e proprie opere d’arte e alcuni di questi come Aura Luz Melis e Tejo Remy, per realizzarli utilizzano esclusivamente materiali riciclati e “low-cost” riuscendo a creare prodotti davvero "curiosi" e allo stesso tempo innovativi.

L’ultima creazione di Luz Melis ad esempio è una particolare lampada chiamata “Slow Glow Lamp”. Le sue principali caratteristiche sono: il grasso e la luce. In pratica in questa lampada la luce è immersa in un’ampolla contenente del grasso vegetale. All’accensione della lampada, il calore della luce scioglie il grasso che, cambiando temperatura riesce a riverberare la fonte. Questo processo, lentamente trasforma la luce stessa che diventa sempre più brillante cambiando anche il colore del neon che diventa man mano sempre più caldo.

Il progetto di Tejo Remy invece richiama oltre al riutilizzo dei materiali anche al vintage; la sua lampada: Milk Bottle Lamp, è composta da "punti luce sospesi" realizzati con bottiglie del latte vuote. Le vecchie bottiglie di vetro luminose che vengono vendute singole, se avvicinate creano un effetto “cassetta del latte” sospesa, una sorta di “cluster” che emana più luce e se disposte a varie altezze disegnano atmosfere molto rilassanti.

Sotto l’aspetto dell’innovazione, non possiamo non citare le lampade di carta di Constance Guisset. Questi punti luce sono costruiti da una fonte in neon e ricoperti da vari rotoli di carta “proteiforme”.

Con questo sistema possiamo avvolgere a nostro piacere i rotoli creando così panneggi e trasparenze sempre diverse riuscendo a regolare allo stesso tempo anche la forza della luce.